Il canyon de Chelly è situato nella parte nord orientale dell’Arizona contea di Apache e si trova interamente all’interno della riserva indiana.

I primi abitanti del luogo furono la tribù degli Anasazi che abbandonarono il luogo alla fine del ‘300 probabilmente in seguito ad un lungo periodo di siccità che rovinò tutti i raccolti.

In seguito pur non essendo occupato stabilmente veniva usato come orto dalla tribù Hopi che vi seminavano cereali. Solo intorno al 1700 venne nuovamente colonizzato dai Navajo che lo utilizzavano per le proprie coltivazioni  oltre che per l’allevamento del bestiame, divenne così la base per le loro razzie ai danni dei vicini: la tribù dei Pueblo ed i coloni Spagnoli.

Nel 1862 il governo Americano per porre fine e a tale situazione decise di deportare i Navajo in una nuova riserva ubicata ad est ad oltre 500 km di distanza dal Canyon de Chelly, nello stato del Nuovo Messico.

I Navajo si opposero adottando tecniche dilatorie a cui le truppe americane risposero con la sistematica distruzione di tutti i villaggi e dei loro raccolti. Proprio una di queste azioni vide protagonista il colonnello Kit Carson che al comando delle sue truppe penetrò nel Canyon de Chelly distruggendone tutti i villaggi e quanto vi era intorno: scorte alimentari, bestiame arrivando ad incendiare un frutteto con diverse migliaia di piante di pesche orgoglio dei Navajo. A seguito di questo episodio i Navajo abbandonarono il Canyon costretti a spostarsi nella nuova riserva dove rimasero per cinque anni. Solo nel 1868 fu firmato un trattato che riconosceva ai Navajo l’Assegnazione di un territorio a cavallo fra gli stati dell’ Arizona e del Nuovo Messico che comprendeva il Canyon de Chelly. Questo accordo venne in seguito via vai ingrandito fino a comprenderne gli attuali confini, ed è oggi conosciuto come la Nazione Navajo (NAVAJO NATION).

All’interno dell’area sono situate le rovine di un vecchio villaggio Anasazi conosciute come “la casa Bianca” per via della parte alta delle mura esterne dipinte appunto di bianco.

Altro punto d’interesse la “Spider Rock” la roccia ragno: una doppia torre di arenaria che si erge solitaria sul fondo del Canyon alla congiunzione tra il Canyon de Chelly e il Monument Canyon. L’ingresso al canyon si trova a circa quattro chilometri ad est dell’ abitato di Chinle raggiungibile con U.S. route 91.          

 

Vai alla galleria fotografica               Prosegui il viaggio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: